#buonoasapersi

Funghi: gli abitanti del sottobosco e dei prati

#buonoasapersi

I FUNGHI NON SONO SOLTANTO… LA CASETTA DEGLI GNOMI DEL BOSCO. LE SPECIE DI FUNGHI SONO PIÙ DI UN MILIONE E HANNO UN REGNO TUTTO PER LORO.

Dopo il regno animale, quello minerale e quello vegetale, c’è il regno dei funghi i funghi hanno un regno tutto per loro! Questo perché non sono né piante, né animali , ma qualcosa di diverso. Come gli animali, non sanno produrre i nutrienti necessari per vivere, a differenza delle piante (e come gli animali) non hanno bisogno della luce per sopravvivere. Però, non si possono muovere come le piante e si riproducono affidando le spore al vento o agli animali, come le piante. In generale, sono più vicini al regno animale che a quello vegetale.

SI STIMA CHE CI SIANO CIRCA 1 MILIONE DI SPECIE DI FUNGHI AL MONDO, DAI GIGANTI TERMITOMYCES TITANICUS LARGHI OLTRE UN METRO,
ALLE MICROSCOPICHE MUFFE, COME LA PENICILLIUM NOTATUM, DA CUI RICAVIAMO LA PENICILLINA CHE CURA MOLTE MALATTIE. SOLTANTO IL 10% DEI FUNGHI È STATO IDENTIFICATO E CATALOGATO DAGLI STUDIOSI. IL RESTO È ANCORA UN REGNO FITTO DI MISTERO.

I funghi che normalmente vediamo spuntare nel sottobosco, sono in realtà il frutto, quindi solo una parte del fungo. Il resto si trova sotto terra, sotto forma di rete di filamenti, detti ife.
Il ciclo riproduttivo del fungo funziona così (in molti casi): le spore, che sono le cellule attraverso le quali il fungo si riproduce possono essere maschili o femminili. Queste cellule microscopiche volano nell’aria e si depositano nel terreno. Se trovano le condizioni ideali di calore e umidità, la spora germina, formando i filamenti delle ife.

HANNO UN RUOLO ECOLOGICO IMPORTANTISSIMO PERCHÉ DECOMPONGONO IL MATERIALE ORGANICO E LO TRASFORMANO IN NUOVE SOSTANZE NUATRITIVE PER LE PIANTE.
Ogni tipo di fungo viene fuori in un periodo dell’ anno ben preciso, solo quando le condizioni di umidità e di temperatura sono ottimali per la loro crescita. In Europa i funghi commestibili si trovano generalmente in autunno. Per non farsi mangiare dagli animali, molti tipi di funghi hanno sviluppato veleni . Alcuni possono essere mortali, altri possono intossicarci e causare allucinazioni. Recentemente è stato scoperto che alcuni di essi hanno proprietà benefiche contro il cancro. Alcuni funghi microscopici possono invece creare malattie agli uomini, agli animali e alle piante. Si racconta che l’eroe greco Perseo, di ritorno da un lungo viaggio, trovò ristoro nell’acqua raccolta dal cappello di un fungo, incontrato per caso sulla sua via. Grato dell’aiuto inaspettato e necessario, fondò una colonia e le diede il nome di micene, ovvero “fungo” in greco.
CONOSCI IL FUNGO DELL’IMMORTALITÀ? E’ IL NOME CHE LA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE DA AL FUNGO REISHI, NORMALMENTE UTILIZZATO PER LA PREPARAZIONE DI LIQUORI E TISANE. PRENDE QUESTO NOME PERCHÉ PARREBBE CONTENERE UN ALTO NUMERO DI SOSTANZE NUTRITIVE TALMENTE IMPORTANTI DA RENDERLO UNO DEI RIMEDI PIÙ POTENTI DELLA FARMACOPEA CINESE!

Ma come nascono i funghi? La risposta più esoterica ci arriva dritta dal medioevo: si pensava che i funghi crescessero in circolo dopo un sabba di streghe e stregoni o dopo un’allegra serata danzante di gnomi e folletti!
Se avete mai avuto la fortuna di visitare il meraviglioso brasile o l’incredibile giappone, magari avete avuto modo di incontrare i chlorophos mycena: cosa sono? Sono suggestivi funghi fluorescenti, capaci di rilasciare, in modo del tutto naturale, delle spore luminose. Incredibile vero?
Lo sapevi che secondo l’Istituto di ricerca sul cibo di Norwich in Inghilterra, italiani svizzeri e austriaci sono i maggiori consumatori di funghi – in particolare di porcini, in tutta Europa . Gli abitanti del Bel Paese, tra l’altro, sono i primi per il consumo di funghi raccolti all’aperto: non tutti i funghi però possono essere mangiati senza conseguenze, anzi! Attenzione quindi: se non li conosci, non raccoglierli!

I PORCINI

IL RECORD DELLE RACCOLTE VA ALLA CALABRIA, DOVE PER TRADIZIONE È CUCINATO CON U PISCI STÒCCU DI MAMMOLA.
MAMMOLA È UNA LOCALITÀ DELL’ASPROMONTE DOVE VENGONO AMMOLLATE GRANDI QUANTITÀ DI STOCCAFISSO. L’ACQUA LOCALE, RICCA DI MINERALI, LO RENDE UN PRODOTTO DI ECCELLENZA CONOSCIUTO ANCHE FUORI DALLA REGIONE.

porcini1